La chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta a Villa Literno

(di Angelo Cirillo)

Molto diffuso a Villa Literno è il culto di Sant’Tammaro, vescovo e confessore, attivo in Campania nel V sec. e venerato nel santuario principale della Basalica omonima di Grumo Nevano.

La chiesa di Villa Literno, intitolata alla Vergine Assunta in Cielo, L’attuale chiesa parrocchiale, dedicata al culto congiunto di Maria e dei Santi Tammaro e Marco, è nota come parrocchia già dal 1560. Nelle fonti antiche è chiamata Santa Maria del Castello di Vico per la presenza di un antica fortezza-monastero demolita nello scorso secolo.

Agli inizi del XIX sec. risale l’attuale chiesa parrocchiale, realizzata sulla precedente, che presenta un impianto a tre navate ed una struttura di gusto ottocentesco. L’interno, preceduto da una facciata con due entrate affiancata da un campanile di stile rinascimentale, presenta una struttura a tre navate supportate da archi a tutto sesto; all’incrocio con il transetto si eleva una bassa cupola. Lungo le navate e il transetto si aprono numerose cappelle con statue dei santi titolari. La cappella dedicata a San Tammaro è situata nella parte sinistra del transetto e accoglie su un altare, allocato a sua volta in una struttura a forma di tempio, la venerata statua del Santo Patrono, nel cui petto, all’interno di una finestrella, si conserva una reliquia. Questa è costituita da un pezzo dell’osso del braccio, e venne donata alla comunità liternese dalla parrocchia di Grumo Nevano.

La facciata, divisa e confusa,  sembra non rispecchiare l’arte interna e si discosta dalla struttura dell’attiguo campanile, che ricopia l’arte rinascimentale.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *